• Area riservata

Sauna finlandese nell’ex convento A Santa Lucia un albergo a 5 stelle del 18/02/2016

Spesi 8 milioni per l'acquisto, ne servono almeno 30 per il recupero

UN GRANDE progetto di recupero per il convento di Santa Lucia,a Lastra a Signa.

Potrebbero prendere il via nei prossimi mesi i lavori di restauro dell’antico edificio dei frati francescani, chiuso ormai da molti anni. Tanti ricordano ancora quando, fino a una ventina di anni fa, alcuni religiosi occupavano
i locali del convento, che veniva utilizzato per i ritiri del catechismo e per alcune attività ricreative, ospitando anche una piccola pizzeria. Poi, con la scomparsa dell’ultimo frate, l’edificio è stato chiuso e sono iniziati i tentativi di far partire un progetto di valorizzazione. Fino ad oggi però nessun intervento è arrivato in porto.

ADESSO l’intero complesso è stato acquisito da una holding finlandese, la Em Group della famiglia Miettinen che gestisce, nel proprio Paese, una vasta rete di immobili a uso direzionale. Il loro tramite per l’operazione è stato l’avvocato Giovanni Scognamiglio dell’omonimo studio legale di Napoli, nominato poi direttore generale della Santa Lucia srl, società nata per gestire l’operazione.


«Il progetto è pronto – spiega il legale – e lo stiamo condividendo con il Comune, la Regione e la Soprintendenza. L’obiettivo è chiudere l’iter autorizzativo entro fine aprile, per poter iniziare i lavori per la realizzazione di un hotel a cinque stelle lusso, con Spa e perpercorsi benessere. La proprietà ha già investito 8 milioni di euro nell’acquisto del bene e nella realizzazione dei progetti di recupero, mentre per il completamento dell’intervento è previsto un investimento complessivo di ben 30 milioni di euro».

IL NUOVO hotel, in base a quanto pianificato, ospiterà 60 camere suite, una Spa di 2mila metri quadrati, un centro benessere e quattro ettari di spazi esterni, fra boschi e prati. «Saranno recuperati i sentieri creati dai frati – spiega l’avvocato Scognamiglio – ma anche l’orto e il collegamento pedonale fino a Villa Caruso Bellosguardo che esisteva fin da tempi antichissimi. Il complesso non sarà aperto solo agli ospiti dell’hotel ma anche ai residenti della zona e a chi vorrà raggiungere Santa Lucia per frequentare la Spa, il ristorante o le iniziative enogastronomiche che saranno organizzate». Il convento dei Santi Lucia e Michele a Monte Orlando, sul poggio di San Martino a Gangalandi, con l’annessa chiesa, è databile agli inizi del XII secolo, ma è stato poi ampliato fra il XVII e il XVIII secolo.